Bonebridge

Bone Bridge

Il Bonebridge è una protesi semi impiantabile per via ossea realizzata dalla ditta austriaca MED-EL, attualmente non ancora disponibile sul mercato; si prevede la disponibilità di tale dispositivo per la fine del 2012.

Struttura e Funzionamento del sistema Bonebridge

Come risulta immediatamente evidente anche ad un primo sguardo, il sistema Bonebridge trova le sue basi nella tecnologia del Vibrant Soundbridge. E’ composto da due parti: una interna, impiantata chirurgicamente e definita

ricevitore/demodulatore ed una esterna, chiamata audio processore, identica a quella del Soundbridge.

L’Audio Processore  ha la forma di un dischetto, ed è in tutto e per tutto identico al processore del Soundbridge, avendo le stesse dimensioni, le stesse caratteristiche tecniche e assolvendo i medesimi compiti.

Il ricevitore/demodulatore (VORP) consta di un’antenna ricevente analoga all’antenna inviante dell’audioprocessore che raccoglie le onde elaborate dal microprocessore dell’audioprocessore e le convoglia al demodulatore. Da qui attraverso un filo d’oro posto all’interno del cavetto di silicone il segnale giunge fino all’effettore finale ovvero il cuore del sistema: il b-cFMT (bone conduction FMT). A differenza del sistema Soundbridge, il b-cFMT ha dimensioni maggiori e viene impiantato nella mastoide, fresando un opportuno letto osseo. A differenza del sistema Vibrant, l’impianto Bonebridge sarà compatibile con la risonanza magnetica.

Il b-cFMT, messo in vibrazione dai segnali inviati dall’audio processore, trasferisce tale vibrazione al cranio e tramite esso ai liquidi dell’orecchio interno. La trasmissione della vibrazione fra scatola cranica ed il b-cFMT è garantita in primis da due viti in titanio ed in secondo luogo dal processo di osteointegrazione che avviene fra i due.

Criteri di Selezione del paziente

In analogia ad altri sistemi per via ossea, i pazienti candidati al sistema Bonebridge devono avere una soglia per via ossea che ricada entro i limiti riportati nell’immagine sottostante (45 dB pantonale) ed uno spessore della teca cranica idoneo a ricevere il b-cFMT.